Ultimi argomenti
» Prometheus
Mar Set 25, 2012 8:56 pm Da Aliainnero

» john carter
Dom Set 23, 2012 4:40 pm Da kristianopedia

» giuseppe de santis
Lun Set 10, 2012 11:31 am Da Prof Keating

» che cosa è il cinema
Lun Set 10, 2012 11:26 am Da Prof Keating

» Venezia 2012:Pietà
Dom Set 09, 2012 8:31 am Da kristianopedia

» NEOREALISMO
Sab Set 08, 2012 3:40 pm Da kristianopedia

» roberto rossellini
Sab Set 08, 2012 3:17 pm Da kristianopedia

» francesco rosi
Sab Set 08, 2012 3:12 pm Da kristianopedia

» Captain America - Il primo Vendicatore
Lun Set 03, 2012 8:41 am Da kristianopedia

» batman
Dom Ago 26, 2012 2:43 pm Da kristianopedia

» Tony Scott
Gio Ago 23, 2012 5:45 pm Da Aliainnero

» i 10 film più belli del cinema italiano secondo Il Sole-24 Ore
Lun Ago 20, 2012 6:55 pm Da Prof Keating

Alien³

Dom Lug 01, 2012 12:19 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Alien³
Paese: USA
Anno: 1992
Durata: 114 min, 145 min …

Commenti: 1

ritorno al futuro

Gio Giu 28, 2012 3:01 pm Da kristianopedia

Titolo originale Back to the Future
Lingua originale inglese
Paese Stati …

Commenti: 1

Hanna

Mer Mag 09, 2012 5:15 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Hanna
Lingua originale: inglese
Paese: USA, UK, Germania


Commenti: 0

Aliens - Scontro finale

Ven Mag 04, 2012 4:29 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Aliens
Paese: USA
Anno: 1986
Durata: 137 min. - 154 min. …

Commenti: 2

Grazie, signora Thatcher

Ven Ago 26, 2011 9:08 am Da kristianopedia

Titolo originale Brassed Off
Paese Regno Unito
Anno 1996
Durata 105 min


Commenti: 1

Sondaggio

il miglior cinema

 
 
 
 
 
 

Guarda i risultati


Il cimitero dei giocattoli inutili di Aldo Moscatelli

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il cimitero dei giocattoli inutili di Aldo Moscatelli

Messaggio  Aliainnero il Ven Feb 17, 2012 3:32 pm

IL CIMITERO DEI GIOCATTOLI INUTILI e altri racconti calpestati di ALDO MOSCATELLI è una raccolta di 10 racconti che io definirei “morali”, perché dietro a ognuno di essi giace un ideale. Quando l’autore ne parla come di racconti calpestati, s’avverte non solo il rammarico dello scrittore davanti alla pubblicazione negata, ma anche il dolore di veder fisicamente calpestati i propri sogni. Stilisticamente si sente che sono stati scritti in periodi diversi, nell’arco di un decennio, più o meno, ce ne sono alcuni più maturi di altri, ma nell’insieme è una lettura piacevole e a tratti edificante. Forse l’unico appunto che potrei fare è sull’uso un po’ anomalo della punteggiatura, ma non faccio l’editor di mestiere, quindi è probabile che sia solo una mia impressione estetica. Ho scelto di soffermarmi su quelli che ho amato maggiormente. Ognuno è dedicato a qualcosa o a qualcuno e DISSOLVENZE è dedicato ai ricordi. Cosa mi ha colpito in questo brevissimo racconto? La capacità del protagonista di andare oltre, di trasformare la piatta visione degli adulti della realtà in qualcosa di altro, nel vedere, ad esempio, quella che sua madre chiama “donnaccia” e che tutti trattano da tale anche dopo la sua morte, come un raggio di luce nella propria vita, solo per un sorriso donato a un’esistenza solitaria perché diversa. I protagonisti di questi racconti sono spesso bambini o adolescenti che sentono la loro diversità, ma questa non-appartenenza viene sempre elaborata positivamente, come per il piccolo poeta che trova riparo tra i libri e conforto nella poesia ne L’ONDA CHE TENTO’ DI PARLARE AGLI UOMINI. Perché è sacrosanto che “scrivere una poesia non è poi così difficile, arduo è farla leggere a qualcuno e ancor di più fargliela apprezzare”. Quindi cosa c’è di meglio che leggerla al mare? Un altro racconto che mi ha colpito è ISTANTANEA, per l’illusione di fermare il tempo attraverso l’uso della fotografia e per quell’attrazione verso la morte che, prima o poi, tutti subiscono nell’arco della propria vita. Infine vorrei citare IL CUSTODE DEI SEGRETI SOMMERSI. Torna spesso il mare come sfondo, come un’ancestrale presenza materna, un mare che porta con sé e custodisce gelosamente i sogni degli uomini sotto forma di castelli di sabbia o di scritte sulla sabbia. E’ colmo d’amore questo racconto, nei suoi rimandi al Piccolo Principe e nella predizione dell’incontro della protagonista Francesca con un giovane scrittore sognatore che scriverà per lei. Una dichiarazione che tutte le donne dovrebbero poter sognare. Una menzione speciale alle copertine di Francesca Santamaria, che completano piacevolmente tutti i libri pubblicati dalla casa editrice I SOGNATORI.

_________________
parola d'ordine: destrutturazione What a Face
Fra l'idea e la realtà, fra il gesto e l'atto, cade l'ombra. (T.S.Eliot)
avatar
Aliainnero
moderatore globale
moderatore globale

Messaggi : 291
Punti : 940
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 55
Località : Imola

Vedi il profilo dell'utente http://mynona.iobloggo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum