Ultimi argomenti
» Prometheus
Mar Set 25, 2012 8:56 pm Da Aliainnero

» john carter
Dom Set 23, 2012 4:40 pm Da kristianopedia

» giuseppe de santis
Lun Set 10, 2012 11:31 am Da Prof Keating

» che cosa è il cinema
Lun Set 10, 2012 11:26 am Da Prof Keating

» Venezia 2012:Pietà
Dom Set 09, 2012 8:31 am Da kristianopedia

» NEOREALISMO
Sab Set 08, 2012 3:40 pm Da kristianopedia

» roberto rossellini
Sab Set 08, 2012 3:17 pm Da kristianopedia

» francesco rosi
Sab Set 08, 2012 3:12 pm Da kristianopedia

» Captain America - Il primo Vendicatore
Lun Set 03, 2012 8:41 am Da kristianopedia

» batman
Dom Ago 26, 2012 2:43 pm Da kristianopedia

» Tony Scott
Gio Ago 23, 2012 5:45 pm Da Aliainnero

» i 10 film più belli del cinema italiano secondo Il Sole-24 Ore
Lun Ago 20, 2012 6:55 pm Da Prof Keating

Alien³

Dom Lug 01, 2012 12:19 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Alien³
Paese: USA
Anno: 1992
Durata: 114 min, 145 min …

Commenti: 1

ritorno al futuro

Gio Giu 28, 2012 3:01 pm Da kristianopedia

Titolo originale Back to the Future
Lingua originale inglese
Paese Stati …

Commenti: 1

Hanna

Mer Mag 09, 2012 5:15 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Hanna
Lingua originale: inglese
Paese: USA, UK, Germania


Commenti: 0

Aliens - Scontro finale

Ven Mag 04, 2012 4:29 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Aliens
Paese: USA
Anno: 1986
Durata: 137 min. - 154 min. …

Commenti: 2

Grazie, signora Thatcher

Ven Ago 26, 2011 9:08 am Da kristianopedia

Titolo originale Brassed Off
Paese Regno Unito
Anno 1996
Durata 105 min


Commenti: 1

Sondaggio

il miglior cinema

 
 
 
 
 
 

Guarda i risultati


Gino Cervi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Gino Cervi

Messaggio  Prof Keating il Mar Nov 15, 2011 3:12 pm

Gino Cervi, nome d'arte di Luigi Cervi (Bologna, 3 maggio 1901 – Punta Ala, 3 gennaio 1974), è stato un attore e doppiatore italiano.
Attore dotato di grande presenza scenica e di una notevole incisività recitativa, è stato uno degli interpreti più versatili della storia dello spettacolo italiano, spaziando dal teatro serio a quello brillante, dal cinema alla radio e alla televisione.
Già nei primi anni trenta quello di Cervi è un nome ben noto ed apprezzato del teatro italiano. Nello stesso periodo anche il cinema, che sin dagli inizi aveva attinto al teatro per fabbricare i propri divi, lo scopre. L'esordio cinematografico avviene nel 1932 con Frontiere, diretto da Cesare Meano, ma a farne un grande nome dello schermo ci penserà il regista Alessandro Blasetti, rendendolo protagonista di una fortunata serie di film storici, quali Ettore Fieramosca (1938), Un'avventura di Salvator Rosa (1939) e La corona di ferro (1941). Sempre Blasetti, nel 1942, lo dirige in un toccante film dai toni amari che precorre il neorealismo: Quattro passi fra le nuvole.
Negli anni cinquanta arriva lo straordinario successo con l'interpretazione della fortunatissima serie di film dedicata ai personaggi letterari di Giovanni Guareschi, in cui interpreta il sanguigno sindaco emiliano Peppone. I film della serie saranno ben cinque (il primo, Don Camillo, del 1952, è diretto da Julien Duvivier) e vedono Cervi accanto al Don Camillo interpretato superbamente dal francese Fernandel. Guareschi, Cervi e Fernandel divennero ottimi amici e i due attori fecero da testimoni al matrimonio di Carlotta Guareschi, figlia dello scrittore[2].
Seguiranno, fino ai primi anni sessanta, altri film appartenenti al genere della commedia all'italiana, come Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo (1956), Anni ruggenti (1962) e Gli onorevoli (1963). Importante è in particolare il personaggio interpretato nel 1960 in La lunga notte del '43 di Florestano Vancini, prodotto da suo figlio Antonio. In questo film Cervi è "Sciagura", inquietante gerarca fascista che l'attore incarna con straordinaria abilità, costruendone la fisionomia torbida durante buona parte del film e mettendola poi in contrasto con il tratto pacioso e amabile del finale.
Filmografia
• L'armata azzurra, regia di Gennaro Righelli (1932)
• Frontiere, regia di Mario Carafoli e Cesare Meano (1934)
• Aldebaran, regia di Alessandro Blasetti (1935)
• Amore, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1935)
• I due sergenti, regia di Enrico Guazzoni (1936)
• Gli uomini non sono ingrati, regia di Guido Brignone (1937)
• Voglio vivere con Letizia, regia di Camillo Mastrocinque (1937)
• Ettore Fieramosca, regia di Alessandro Blasetti (1938)
• I figli del marchese Lucera, regia di Amleto Palermi (1938)
• Inventiamo l'amore, regia di Camillo Mastrocinque (1938)
• L'argine, regia di Corrado D'Errico (1938)
• Un'avventura di Salvator Rosa, regia di Alessandro Blasetti (1939)
• Una romantica avventura, regia di Mario Camerini (1940)
• La peccatrice, regia di Amleto Palermi (1940)
• Melodie eterne, regia di Carmine Gallone (1940)
• La corona di ferro, regia di Alessandro Blasetti (1941)
• I promessi sposi, regia di Mario Camerini (1941)
• Il sogno di tutti, regia di Oreste Biancoli e László Kish (1941)
• Acque di primavera, regia di Nunzio Malasomma (1942)
• Don Cesare di Bazan, regia di Riccardo Freda (1942)
• Gente dell'aria, regia di Esodo Pratelli (1942)
• L'ultimo addio, regia di Ferruccio Cerio (1942)
• La regina di Navarra, regia di Carmine Gallone (1942)
• Quattro passi fra le nuvole, regia di Alessandro Blasetti (1942)
• Che distinta famiglia!, regia di Mario Bonnard (1943)
• Tristi amori, regia di Carmine Gallone (1943)
• L'angelo bianco, regia di Giulio Antamoro, Federico Sinibaldi e Ettore Giannini (1943)
• La locandiera, regia di Luigi Chiarini (1943)
• Quarta pagina, regia di Nicola Manzari (1943)
• T'amerò sempre, regia di Mario Camerini (1943)
• Quartetto pazzo, regia di Guido Salvini (1944)
• Vivere ancora, regia di Nino Giannini e Leo Longanesi (1944)
• Lo sbaglio di essere vivo, regia di Carlo Ludovico Bragaglia (1945)
• Le miserie del signor Travet, regia di Mario Soldati (1946)
• Aquila nera, regia di Riccardo Freda (1946)
• Cronaca nera, regia di Giorgio Bianchi (1946)
• Umanità, regia di Jack Salvatori (1946)
• L'angelo e il diavolo, regia di Mario Camerini (1946)
• Malia, regia di Giuseppe Amato (1946)
• Un uomo ritorna, regia di Max Neufeld (1946)
• Furia, regia di Goffredo Alessandrini (1947)
• Daniele Cortis, regia di Mario Soldati (1947)
• I miserabili, regia di Riccardo Freda (1948)
• Anna Karenina, regia di Julien Duvivier (1948)
• Guglielmo Tell, regia di Giorgio Pastina (1948)
• Fabiola, regia di Alessandro Blasetti (1949)
• Donne senza nome, regia di Géza von Radványi (1949)
• La fiamma che non si spegne, regia di Vittorio Cottafavi (1949)
• La sposa non può attendere, regia di Gianni Franciolini (1949)
• Yvonne la nuit, regia di Giuseppe Amato (1949)
• Il Cristo proibito, regia di Curzio Malaparte (1950)
• Il caimano del Piave, regia di Giorgio Bianchi (1950)
• Il sigillo rosso, regia di Flavio Calzavara (1950)
• La scogliera del peccato, regia di Roberto Bianchi Montero (1950)
• Cameriera bella presenza offresi..., regia di Giorgio Pastina (1951)
• O.K. Nerone, regia di Mario Soldati (1951)
• Buongiorno, elefante!, regia di Gianni Franciolini (1952)
• Don Camillo, regia di Julien Duvivier (1952)
• La regina di Saba, regia di Pietro Francisci (1952)
• Moglie per una notte, regia di Mario Camerini (1952)
• La signora senza camelie, regia di Michelangelo Antonioni (1952)
• Tre storie proibite, regia di Augusto Genina (1952)
• Fate largo ai moschettieri! (Les trois mousquetaires), regia di André Hunebelle (1952)
• La cavallina storna, regia di Giulio Morelli (1953)
• Il ritorno di Don Camillo, regia di Julien Duvivier (1953)
• Maddalena, regia di Augusto Genina (1953)
• La signora dalle camelie (La dame aux camélias), regia di Raymond Bernard (1953)
• Stazione Termini, regia di Vittorio De Sica (1953)
• Nerone e Messalina, regia di Primo Zeglio (1953)
• Versailles (Si Versailles m'était conté), regia di Sacha Guitry (1954)
• Addio, mia bella signora!, regia di Fernando Cerchio (1954)
• Una donna libera, regia di Vittorio Cottafavi (1954)
• Il cardinale Lambertini, regia di Giorgio Pastina (1954)
• La grande avventura, regia di Mario Pisu (1954)
• Il coraggio, regia di Domenico Paolella (1955)
• Gli innamorati, regia di Mauro Bolognini (1955)
• Don Camillo e l'Onorevole Peppone, regia di Carmine Gallone (1955)
• Frou-Frou, regia di Augusto Genina (1955)
• Non c'è amore più grande, regia di Giorgio Bianchi (1955)
• Beatrice Cenci, regia di Riccardo Freda (1956)
• Gli amanti del deserto, regia di Fernando Cerchio e Gianni Vernuccio (1956)
• Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo, regia di Mauro Bolognini (1956)
• Moglie e buoi, regia di Leonardo De Mitri (1956)
• Agguato a Tangeri, regia di Riccardo Freda (1957)
• Amore e chiacchiere, regia di Alessandro Blasetti (1957)
• L'accusa del passato, regia di Lionello De Felice (1957)
• Le belle dell'aria, regia di Mario Costa (1957)
• La maja desnuda, regia di Henry Koster e Mario Russo (1958)
• Nel segno di Roma, regia di Guido Brignone (1958)
• Senza famiglia (Sans famille), regia di André Michel (1958)
• Brevi amori a Palma di Majorca, regia di Giorgio Bianchi (1959)
• I sicari di Hitler (RPZ appelle Berlin), regia di Ralph Habib (1959)
• Noi gangsters (Le grand chef), regia di Henri Verneuil (1959)
• Femmine di lusso, regia di Giorgio Bianchi (1960)
• Il mistero dei tre continenti, regia di William Dieterle (1960)
• La lunga notte del '43, regia di Florestano Vancini (1960)
• L'assedio di Siracusa, regia di Pietro Francisci (1960)
• La rivolta degli schiavi, regia di Nunzio Malasomma (1960)
• Le olimpiadi dei mariti, regia di Giorgio Bianchi (1960)
• Gli attendenti, regia di Giorgio Bianchi (1961)
• Don Camillo monsignore... ma non troppo, regia di Carmine Gallone (1961)
• Che gioia vivere, regia di René Clément (1961)
• Il delitto non paga (Le crime ne paie pas), regia di Gérard Oury (1961)
• Un figlio d'oggi, regia di Domenico Graziano e Marino Girolami (1961)
• Anni ruggenti, regia di Luigi Zampa (1962)
• Dieci italiani per un tedesco (Via Rasella), regia di Filippo Walter Ratti (1962)
• Il giorno più corto, regia di Sergio Corbucci (1962)
• La monaca di Monza, regia di Carmine Gallone (1962)
• La smania addosso, regia di Marcello Andrei (1962)
• Avventura al motel, regia di Renato Polselli (1963)
• Il re e il monsignore (Le bon roi Dagobert), regia di Pierre Chevalier (1963)
• Gli onorevoli, regia di Sergio Corbucci (1963)
• Il cambio della guardia, regia di Giorgio Bianchi (1963)
• Becket e il suo re (Becket), regia di Peter Glenville (1964)
• E la donna creò l'uomo, regia di Camillo Mastrocinque (1964)
• Il compagno Don Camillo, regia di Luigi Comencini (1965)
• Gli altri, gli altri e noi, regia di Maurizio Arena (1967)
• Maigret a Pigalle, regia di Mario Landi (1967)
• Il latitante, regia di Daniele D'Anza (1967)
• Fratello ladro, regia di Pino Tosini (1972)
• I racconti romani di una ex novizia, regia di Pino Tosini (1972)
• Uccidere in silenzio, regia di Giuseppe Rolando (1972)
Fonte : Wikipedia

°°°°°°°

Per ricordare la figura di Gino Cervi , che considero uno degli attori più importanti del cinema italiano di un tempo , e la versatilità del personaggio bisogna ripercorrere almeno tre film, a mio avviso fondamentali : Quattro passi fra le nuvole , la serie Don Camillo e La lunga notte del '43 .
Il primo, del quale fu protagonista, è uno dei pochi film italiani validi prodotti nel periodo bellico, che esce fuori dai binari del cinema dell’epoca, abbastanza scontato e in bilico tra i due estremi della commedia “ telefoni bianchi “ e delle celebrazioni storiche, per preludere direttamente al neorealismo. Nella serie Don Camillo e ne La lunga notte del '43, Gino Cervi tratteggia invece due personaggi molto diversi tra loro : il sanguigno comunista Peppone e il fascista irriducibile “ Sciagura “. Personaggi che tuttavia forse si toccano per la loro comune intolleranza.
Nell’esperienza televisiva non si può invece dimenticare il commissario Maigret , tratteggiato in modo impareggiabile con una naturalezza espressiva e recitativa fuori del comune . Lo stesso Simenon , dai cui libri la serie era stata tratta, finì per dire che Gino Cervi era stato il miglior Maigret, superiore addirittura al tanto celebrato Jean Gabin .
Non possiamo certo dimenticare Gino Cervi, e questo è il motivo della scheda che ho proposto.
avatar
Prof Keating
cinefilo scelto
cinefilo scelto

Messaggi : 133
Punti : 468
Data d'iscrizione : 09.10.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum