Ultimi argomenti
» Prometheus
Mar Set 25, 2012 8:56 pm Da Aliainnero

» john carter
Dom Set 23, 2012 4:40 pm Da kristianopedia

» giuseppe de santis
Lun Set 10, 2012 11:31 am Da Prof Keating

» che cosa è il cinema
Lun Set 10, 2012 11:26 am Da Prof Keating

» Venezia 2012:Pietà
Dom Set 09, 2012 8:31 am Da kristianopedia

» NEOREALISMO
Sab Set 08, 2012 3:40 pm Da kristianopedia

» roberto rossellini
Sab Set 08, 2012 3:17 pm Da kristianopedia

» francesco rosi
Sab Set 08, 2012 3:12 pm Da kristianopedia

» Captain America - Il primo Vendicatore
Lun Set 03, 2012 8:41 am Da kristianopedia

» batman
Dom Ago 26, 2012 2:43 pm Da kristianopedia

» Tony Scott
Gio Ago 23, 2012 5:45 pm Da Aliainnero

» i 10 film più belli del cinema italiano secondo Il Sole-24 Ore
Lun Ago 20, 2012 6:55 pm Da Prof Keating

Alien³

Dom Lug 01, 2012 12:19 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Alien³
Paese: USA
Anno: 1992
Durata: 114 min, 145 min …

Commenti: 1

ritorno al futuro

Gio Giu 28, 2012 3:01 pm Da kristianopedia

Titolo originale Back to the Future
Lingua originale inglese
Paese Stati …

Commenti: 1

Hanna

Mer Mag 09, 2012 5:15 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Hanna
Lingua originale: inglese
Paese: USA, UK, Germania


Commenti: 0

Aliens - Scontro finale

Ven Mag 04, 2012 4:29 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Aliens
Paese: USA
Anno: 1986
Durata: 137 min. - 154 min. …

Commenti: 2

Grazie, signora Thatcher

Ven Ago 26, 2011 9:08 am Da kristianopedia

Titolo originale Brassed Off
Paese Regno Unito
Anno 1996
Durata 105 min


Commenti: 1

Sondaggio

il miglior cinema

 
 
 
 
 
 

Guarda i risultati


L'insostenibile leggerezza dell'essere

Andare in basso

L'insostenibile leggerezza dell'essere

Messaggio  Aliainnero il Dom Ott 23, 2011 5:12 pm

L'insostenibile leggerezza dell'essere
Titolo originale: The Unbearable Lightness of Being
Paese: USA
Anno: 1988
Durata: 171 min
Genere: drammatico
Regia: Philip Kaufman
Soggetto: l'omonimo romanzo di Milan Kundera
Sceneggiatura: Jean-Claude Carrière, Philip Kaufman
Fotografia: Sven Nykvist
Interpreti: Daniel Day-Lewis, Juliette Binoche, Lena Olin, Derek de Lint, Erland Josephson.

Il film ripercorre le vicende dei quattro personaggi principali attraverso la Primavera di Praga del 1968 e i mutamenti socio-politici della Cecoslovacchia, narrando l'intreccio delle loro vite sentimentali e professionali. Sostanzialmente in proporzioni invertite, cosa necessaria per non appesantire troppo la materia filmica rispetto a quella letteraria dove ci sono capitoli prettamente filosofici.

Titolo originale ceco: Nesnesitelná lehkost bytí - 1982
Una storia: trovarsi schierati con un personaggio per affinità di sentimenti. Dieci anni dopo rileggerla e trovarsi dall'altra parte. Accorgersi che siamo in continua mutazione, che la vita ti porta quà e là tra le sue fronde al vento, non importano le nostre decisioni, è quello che voleva trasmettere Kundera. Il paradosso insostenibile sta nel contrasto tra l'impalpabile evanescenza della vita e il bisogno dell'essere umano di trovarci un senso.
Ho cambiato pelle, ho dovuto farlo per necessità. Prima non capivo le ragioni di Sabina, ma sentivo il dolore di Tereza e l'avrei abbracciata per confortarla. Cambiare visuale aiuta a capire sè stessi. Bisognerebbe sempre rileggere i libri che ci hanno dato forti emozioni, ma non basterebbe una vita sola. Ho cercato di abbandonare la mia pesantezza per accogliere la leggerezza dell'essere, non so se ci sono riuscita, ma qualcosa è cambiato. Forse non devo ringraziare Kundera per il mio cambiamento o forse sì. Fino alla prossima muta.

_________________
parola d'ordine: destrutturazione What a Face
Fra l'idea e la realtà, fra il gesto e l'atto, cade l'ombra. (T.S.Eliot)
avatar
Aliainnero
moderatore globale
moderatore globale

Messaggi : 291
Punti : 940
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 56
Località : Imola

Visualizza il profilo http://mynona.iobloggo.com

Torna in alto Andare in basso

Re: L'insostenibile leggerezza dell'essere

Messaggio  Prof Keating il Dom Ott 23, 2011 5:48 pm

Ecco , qui devo chiedere aiuto ai forumisti, e ad Alia in particolare che ha fatto un’interessante recensione. Perché io ho letto il libro ma non ho visto il film . Kundera a me piace moltissimo , e anzi mi sono stupito come un autore del suo spessore non sia stato candidato al Nobel . Ma vi domando : il film riesce a tradurre l’intreccio narrativo e la filosofia dell’autore ? E lo domando anche a me stesso perché non mi pare un compito agevole.
avatar
Prof Keating
cinefilo scelto
cinefilo scelto

Messaggi : 133
Punti : 468
Data d'iscrizione : 09.10.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum