Ultimi argomenti
» Prometheus
Mar Set 25, 2012 8:56 pm Da Aliainnero

» john carter
Dom Set 23, 2012 4:40 pm Da kristianopedia

» giuseppe de santis
Lun Set 10, 2012 11:31 am Da Prof Keating

» che cosa è il cinema
Lun Set 10, 2012 11:26 am Da Prof Keating

» Venezia 2012:Pietà
Dom Set 09, 2012 8:31 am Da kristianopedia

» NEOREALISMO
Sab Set 08, 2012 3:40 pm Da kristianopedia

» roberto rossellini
Sab Set 08, 2012 3:17 pm Da kristianopedia

» francesco rosi
Sab Set 08, 2012 3:12 pm Da kristianopedia

» Captain America - Il primo Vendicatore
Lun Set 03, 2012 8:41 am Da kristianopedia

» batman
Dom Ago 26, 2012 2:43 pm Da kristianopedia

» Tony Scott
Gio Ago 23, 2012 5:45 pm Da Aliainnero

» i 10 film più belli del cinema italiano secondo Il Sole-24 Ore
Lun Ago 20, 2012 6:55 pm Da Prof Keating

Alien³

Dom Lug 01, 2012 12:19 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Alien³
Paese: USA
Anno: 1992
Durata: 114 min, 145 min …

Commenti: 1

ritorno al futuro

Gio Giu 28, 2012 3:01 pm Da kristianopedia

Titolo originale Back to the Future
Lingua originale inglese
Paese Stati …

Commenti: 1

Hanna

Mer Mag 09, 2012 5:15 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Hanna
Lingua originale: inglese
Paese: USA, UK, Germania


Commenti: 0

Aliens - Scontro finale

Ven Mag 04, 2012 4:29 pm Da Aliainnero

Titolo originale: Aliens
Paese: USA
Anno: 1986
Durata: 137 min. - 154 min. …

Commenti: 2

Grazie, signora Thatcher

Ven Ago 26, 2011 9:08 am Da kristianopedia

Titolo originale Brassed Off
Paese Regno Unito
Anno 1996
Durata 105 min


Commenti: 1

Sondaggio

il miglior cinema

 
 
 
 
 
 

Guarda i risultati


David Lynch - (2006) Inland Empire - L'impero della mente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

David Lynch - (2006) Inland Empire - L'impero della mente

Messaggio  Axeroth il Sab Ott 01, 2011 9:19 am


INLAND EMPIRE, ovvero il cinema in versione peyote o ayahueca. Inland Empire è il cubo di Rubik.

Summa opera di uno dei più grandi artisti della storia cinema: regia, soggetto, sceneggiatura, montaggio, colonne sonore composte assieme all'amico Badalamenti e suonate di persona, inoltre, ha progettato e costruito i mobili delle stanze chiave del film: la casa onirica all'interno dello studio cinematografico e la stanza dove si svolge Rabbits.

In questo film si manifesta in tutta la sua maestosità il lavoro di Lynch di una vita, sia perchè ci ha messo anni per dirigere e montare questo capolavoro, sia perchè in quest'opera abbiamo un pò di tutto delle sue opere precedenti: la vecchia col viso mostruoso ed espressione terrificante, come in Lost Highway e in Mulholland Dr, ma anche in The Elephant Man, Dune e Eraserhead per non parlare di Twin Peaks. Lo smarrimento di alcuni protagonisti, e la manifestazione di sogni e perturbazioni di vite mancate, di vite desiderate o di vita vissuta, senza una reale concezione spazio-temporale degli avvenimenti, fondendo tutto a unisono.

In meccanica quantistica il presente ed il passato come il futuro vengono visti come punti di una stessa retta, e quindi essi partecipano tutti ad uno stesso momento, ma in momenti diversi di esso. Come se spezzassimo un bastoncino in 3, dove tutti e tre sono parte del medesimo corpo, ma staccati da esso e scomposti solo percettibilmente, in realtà sono tutti parte della stessa natura infinitamente. Ora mi cimenterò nell'esporre la mia teoria per dare una spiegazione ad un'opera incompresa, in parte incomprensibile, in parte mai svelata, ma in parte a parer mio molto esplicita e chiara, che esprime una visione della realtà tipica del modo di comunicare messaggi da parte Lynch il quale non diemntichiamo, idea queste perle di cinema, dopo aver compiuto sedute di meditazione trascendentale ed aver pitturato qualcosa... non dimentichiamo che è anche pittore, e che il suo artista preferito è uno dei più visionari, innovativi e psicotici non solo del nostro secolo ma dell'intera storia dell'arte pittorica: Francis Bacon. .

Il film comincia con un disco che parla, facendo riferimento ad una stazione radio baltica (la Axx°NN) e che ambienta già tutta la trama in un albergo (osservate bene le stanze dell'albergo: sono le medesime della casa onirica nel quale improvvisamente finisce Laura Dern). Qui, come in Mulholland Dr, se si osserva attentamente l'inizio del film se ne comprende la sua (quasi) totalità, usando il "rasoio" di Occam come mezzo di analisi di testo filmico. Abbiamo una ragazza che sottoposta a ordini forzati da parte di un uomo (che poi si svelerà essere Krempi, "il fantasma") si prostituisce, e subito dopo si vede davanti al televisore a fantasticare, in primis, e in secundis a guardare una sitcom: Rabbits [sempre dello stesso Lynch con attori Laura Harring, Naomi Watts e Scott Coffey]. Il film pian piano diverrà "l'impero della mente" (se così vogliamo chiamarlo, con il titolo italiano del film) della ragazza che apparentemente è solo triste e sempre in lacrime, ma dentro di sè è terrorizzata e per sfuggire alla realtà si fa un viaggio onirico fra conscio, subconscio e immaginazione. Laura Dern non è altro che la personalità nascosta ed il sogno della "ragazza persa" (così chiamata nel cast di Lynch). Più andiamo avanti nel film e più tutto si fonde con confusione, surrealismo e nonsense. La sitcom che si fonde alla vita di Nikki (Laura Dern) e il lavoro di Nikki che si fonde al suo personaggio cinematografico (Sue) che chiamando sempre Devon (J. Theroux) Billy, dimostra di essere a tal punto immersa nella finzione da non percepire che Billy è un personaggio immaginario solo impersonato da Devon, ma che in realtà Billy è Devon (un uomo sposato e con una vita privata al quale non vuole rinunciare e rovinare con flirt occasionali, come vorrebebro quelli della tv o i suoi manager e compagni di lavoro provocandolo con anche termini coloriti: "ha un sedere stratosferico quella"). La "ragazza persa" rappresenta NOI, popolo del pianeta, che davanti alla televisione vaga nell'ignoto, perchè mentre si guarda uno spot della Coca-Cola desideriamno il corpo della modella che tiene in mano la bottiglia, ma vogliamo bere la Coca-Cola e allo stesso tempo, per farlo dobbiamo alzare il sedere, metterci in auto o su un ciclomotore e dirigerci verso il supermercato o semplicemnete aprire il frigo (questo non lo chiamate trip onirico? no? solo perchè si sta parlando di qualcosa di "normalmente immaginabile" non significa che non lo sia). Chi ha mai definito la parola "normale"? Per Lynch chi non ci dice che questo per lui sia "normale"? Molto probabilmente lo è, come lo poteva essere per Salvador Dalì, R. Magritte, M. Ernst, Bunuel o quanti altri...Noi, siamo la "ragazza persa", e nel film ci perdiamo, e per più di una volta siamo ipnotizzati sia implicitamente che volutamente: Krempi è un mesmerista, e la musica di Lynch è mesmerica. Il finale del film in due fasi rappresenta molto tristemente l'impossibilità della "ragazza persa" di poter avere figli (la farita intravaginale, simbolismo per indicare la morte della vita nell'organo riproduttore femminile: rirapressentata dal cacciavite nel ventre, punto del corpo ove stanno situate le ovaie) e allo stesso tempo di non poter riabbracciare il marito, sogno che si manifesta con senso e atmosfera di liberazione. Le donne, le prostitute che la Dern visiona, non sono altro che le sue personalità inconscie in esplosione psichica. Come se una volta caduti in un sonno profondo cominciassimo a vedere delle immagini che un attimo prima e un attimo dopo non vedremmo, prima perchè svegli, e dopo perchè svegliati. La Dern è tre stati inconsci della ragazza persa: desiderio, realtà non accettata (la prostituta imposta da Krempi) e sogno (quello di andare via dalla realtà, sia per mezzo dei sentimenti verso ciò che amava prima di quel momento tremendo della sua vita, sia per mezzo della tv, che attraverso sitcom, film e finction la fa scappare dal mondo reale) e fin qui nulla di anormale rispetto alle persone comuni, che per mezzo della musica o del cinema, o della tv, o degli amici, o della lettura di un romanzo, esce dal mondo reale per rifugiarsi in uno stato personale e privato, parallelo ma non appartenente al mondo conosciuto da tutti, ma solo, appartenente al nostro inconsico, all'Es di Freud in sostanza.

In Mulholland Dr si aveva una specie di trasposizione cinematografica dello stato psicologico di un uomo qualsiasi, ma era più esplicito il riferimento di alcuni avvenimenti alI'Io, al super Io ed all'Es. Qui invece è più impercettibile. L'abilità nel montaggio di Lynch è davvero superlativa, e dirlo è quasi poco. Pian piano che la "ragazza persa" subisce la realtà, la sua mente scende sempre più nell'oblio e si fa inghiottire dallo stesso facendoci cadere in un labirinto abissale. Perdiamo completamente un appiglio per comprendere che diavolo stia succedendo nell'intreccio. Abbiamo un momento nel film nel quale Lura Dern parla con un uomo grasso e con gli occhiali, esso non è altro che la coscienza muta e spettatrice della "ragazza persa" che fa da interrogatorio psicanalitico a parte della sua personalità per ascoltare che cosa stia accadendo nella sua mente. Alcuni momenti nel film sono assolutamente non correlati al lavoro cinematografico fra Laura Dern e Theroux, nel quale ad un certo punto non riescono a riconoscere quando sono nella realtà e quando nella finzione, almeno che grazie al contatto fisico ed emotivo, si sentano smarriti nelle scene solitarie, e questo sfasamento mentale si nota quando ne parla la Dern, spiegando a Theroux che aveva diretto una scena senza di lui e che lei percepiva come qualcosa di stranamente alienato dal film, e non parte dello stesso. Inoltre, al contempo Theroux spaesato non ricorda e non riesce a capire di cosa lei stia parlando, perchè è tale il desiderio di entrambi di adulterare (nel subconscio) che perdono completamente di vista i doveri e le cose della vita che dovrebbero vivere e che perdendo completamente di mano, vagano fra ignoto dionisiaco imperturbabile e realtà conscia non accettabile. Il finale con la famosa "Sinnerman" di Nina Simone non è altro che la ciliegina su una torta surreale, sulla quale per mezzo del jazz (musica psichedelica per eccelenza) si ha una danza che celebra la libertà della ragazza. La libertà si manifesta nel momento nel quale un suo stato inconscio, Laura Dern appunto, uccidendo Krempi, vede materializzare in lui la sua faccia terrorizzata, facendo morire con lui la parte di sè che lui aveva posseduto, liberando così l'anima dalla gabbia mortale. Come un esplosione di sensi trascendentale si apre all'Universo prendendo coscienza del suo Sè, comprendendo il suo (usando un termine sanscrito) Satya, ovvero "ciò che E' ".


Ultima modifica di Axeroth il Sab Ott 01, 2011 9:43 am, modificato 1 volta
avatar
Axeroth
rookie
rookie

Messaggi : 6
Punti : 18
Data d'iscrizione : 01.10.11
Età : 29
Località : Trieste

Vedi il profilo dell'utente https://www.facebook.com/alexander.verdoux

Tornare in alto Andare in basso

Re: David Lynch - (2006) Inland Empire - L'impero della mente

Messaggio  kristianopedia il Sab Ott 01, 2011 9:36 am

metto la scheda dell'interessantissimo film di David Lynch
Titolo originale Inland Empire
Lingua originale inglese / polacco
Paese USA, Polonia, Francia
Anno 2006
Durata 172'
Soggetto David Lynch
Sceneggiatura David Lynch
Montaggio David Lynch
Effetti speciali Ken Rudell
Musiche David Lynch - Krzysztof Penderecki

avatar
kristianopedia
Admin
Admin

Messaggi : 490
Punti : 1463
Data d'iscrizione : 28.05.11

Vedi il profilo dell'utente http://kristianopedia.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: David Lynch - (2006) Inland Empire - L'impero della mente

Messaggio  Aliainnero il Lun Ott 03, 2011 12:15 pm

Sappiamo che per David Lynch la narrazione lineare e la consequenzialità spazio-tempo sono sempre state volutamente un optional nei suoi film precedenti, ma con Inland empire spariscono proprio definitivamente lasciando spazio al mutamento, all'incertezza della percezione e al proliferare delle possibilità della narrazione. Non è un caso che questo film abbia segnato il passaggio dall'uso della pellicola al digitale anche come riflessione estetica. Detto questo, a me è piaciuto di più Mulholland drive, ma è un fatto di gusti personali.

_________________
parola d'ordine: destrutturazione What a Face
Fra l'idea e la realtà, fra il gesto e l'atto, cade l'ombra. (T.S.Eliot)
avatar
Aliainnero
moderatore globale
moderatore globale

Messaggi : 291
Punti : 940
Data d'iscrizione : 06.08.11
Età : 55
Località : Imola

Vedi il profilo dell'utente http://mynona.iobloggo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: David Lynch - (2006) Inland Empire - L'impero della mente

Messaggio  kristianopedia il Gio Ott 06, 2011 9:32 am

prima di tutto bellissima analisi del film,ricca di particolari e di dati,veramente notevole.Ma dopo aver letto un'accurata analisi come questa come fa a non venir voglia di vedere questo capolavoro di Lynch?Poi mi accorgo davanti a certe analisi che si ho una grande passione per il cinema ,ma il tempo che manca sempre non mi permette di veder certi lavori,certe pellicole veramente geniali,d'autore.Penso che i film che ho visto io sono un pò come la punta di un iceberg...ma piano piano rimedierò.
avatar
kristianopedia
Admin
Admin

Messaggi : 490
Punti : 1463
Data d'iscrizione : 28.05.11

Vedi il profilo dell'utente http://kristianopedia.blogspot.com/

Tornare in alto Andare in basso

Re: David Lynch - (2006) Inland Empire - L'impero della mente

Messaggio  Axeroth il Mar Ott 11, 2011 11:56 am

Grazie Smile
avatar
Axeroth
rookie
rookie

Messaggi : 6
Punti : 18
Data d'iscrizione : 01.10.11
Età : 29
Località : Trieste

Vedi il profilo dell'utente https://www.facebook.com/alexander.verdoux

Tornare in alto Andare in basso

Re: David Lynch - (2006) Inland Empire - L'impero della mente

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum